Home page
Chi siamo
Corsi
Krav Maga
Video
Immagini
Attivitą
Contatti
Links
Social

Cos’è il Krav Maga

La parola Krav Maga in ebraico moderno significa letteralmente "combattimento con contatto" anche se la traduzione più utilizzata è ormai "combattimento corpo a corpo". Il Krav Maga è un metodo di combattimento, risalente alla metà del XX secolo, nato dall'opera di sintesi di Imi Lichtenfeld: agli inizi degli anni '50, parallelamente alla nascita dello stato di Israele, l’esercito israeliano chiese a Lichtenfeld, atleta con grande esperienza di lotta e di pugilato, di sviluppare un sistema di combattimento efficace ma rapido da apprendere, al fine di addestrare le neonate forze armate israeliane.

In 20 anni di servizio nell'esercito, Imi sviluppò e raffinò il suo sistema unico di difesa e combattimento formando gli istruttori e i soldati delle unità di elite delle forza di difesa israeliane. Dopo essersi ritirato dal servizio attivo, Lichtenfeld dedicò la maggior parte del proprio tempo ad adattare il Krav Maga alla vita quotidiana: il sistema venne quindi in prima istanza modificato e raffinato per fornire soluzioni difensive ai civili vittime di aggressioni sia a mano armata sia a mani nude ed in seconda istanza per fornire nuovi strumenti tattici ed operativi alle forze di polizia.

A partire dalla fine degli anni ’70, Lichtenfeld e molti dei suoi studenti crearono la "Krav Maga Association", un'organizzazione senza scopo di lucro volta a promuovere l'insegnamento del Krav Maga. Attualmente il Krav Maga viene insegnato a migliaia di civili, forze dell'ordine e personale militare in tutto il mondo.

 

Cos’è l'Israeli Ju-Jitsu

Intorno agli anni venti in Israele esisteva già un sistema di autodifesa chiamato Israeli Ju-Jitsu: tale sistema era praticato ed insegnato ai membri dell’Haganàh una organizzazione paramilitare ebraica operante in Palestina durante il mandato britannico dal 1920 al 1948. Alla realizzazione di tale sistema avevano collaborato diversi maestri di ju-jitsu tedeschi, primo tra tutti Moshe Feldenkrais, la prima cintura nera di ju-jitsu/judo rilasciata da Jigoro Kano in Europa.

Il percorso ‘marziale’ di Moshe inizia molto prima nelle forze di difesa ebraiche (1920-1930): arrivato in una Palestina, Feldenkrais entrò in contatto con l’Haganàh i cui componenti avevano una formazione di difesa personale e di Ju-Jitsu i cui risultati lasciavano quanto meno a desiderare, tant'è che negli scontri bellici i membri dell’organizzazione avevano spesso la peggio.

Moshe capì che ci poteva essere un modo migliore di addestrare le persone. ‘Io farò il mio Ju-Jitsu’, dichiarò. Analizzando le tecniche di autodifesa, costruì un metodo di formazione che si rivelò più efficace.

Osservò il modo in cui le persone normali reagivano istintivamente, quando attaccate, prendendo nota di quale fosse la posizione e quale il comportamento che spontaneamente assumevano per reazione. Ed a partire da questa risposta istintiva, adattandola o miscelandola con tecniche di attacco e difesa del Ju-Jitsu, faceva scattare un’azione efficace o una nuova risposta difensiva.

Moshe scrisse parecchi libri basandosi su queste sue esperienze e sono in molti a sostenere che la genesi dei sistemi di combattimento israeliani (Krav Maga, Kapap, ecc.) possa essere ricondotta a Moshe Feldenkrais in quanto precursore dell’esplorazione degli aspetti psicologici delle situazioni di combattimento, dei principi di apprendimento e ideatore delle tecniche istintive presenti nei metodi impiegati dall’Haganah.

Successivamente Imi Lichtenfeld modificò il sistema esistente con il suo bagaglio tecnico, codificando nel 1948 un altro sistema chiamato Krav Maga.

A partire dagli anni '80, il Maestro di Ju-Jitsu Mati Elyashiv, riferimento per la nostra scuola, ha modificato alcune tecniche dell'arte marziale tradizionale al fine di creare un nuovo sistema di autodifesa che consentisse di affrontare situazioni sempre più estreme.

 

 

 






 

 

 

 

Designed and powered by
MultiMedia Soft